Acustica

L'importanza del comfort acustico

Viviamo in un mondo sempre più frenetico, eppure, spesso trascuriamo un aspetto fondamentale per il nostro benessere: l’acustica degli ambienti in cui viviamo e lavoriamo. Il benessere acustico non si riduce ad un semplice silenzio assoluto. Significa creare un ambiente in cui il suono è controllato e piacevole, contribuendo positivamente alla nostra salute fisica e mentale. La stessa organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto il problema e l’importanza di affrontarlo in modo corretto.
Isolare Acusticamente è un’espressione generica che sentiamo spesso e riporta sempre alla ricerca di un singolo risultato, il miglioramento del Comfort Acustico nell’ambiente in cui quotidianamente viviamo ed operiamo, come ad esempio casa, uffici, fondi commerciali, teatri, discoteche, pub, ristoranti e ogni altro luogo con cui ci troviamo a contatto.
Il tema dell’acustica nelle costruzioni è spesso sottovalutato e non correttamente sviluppato, questo dovuto anche al fatto che negli anni si sono susseguiti una serie di eventi che hanno portato alla non corretta interpretazione ed applicazione di quella che è la norma.

In ambito acustico ancora non è obbligatorio seguire la classificazione degli edifici secondo norma Europea, come si fa per la termica; quindi, ci si deve attenere al D.P.C.M. 05/12/1997. Questo decreto attuativo impone il rispetto di alcuni parametri in funzione al tipo di edificio e quindi obbliga la progettazione e il costruttore ad uniformarsi a tali valori.

Ciò non toglie che la Norma Europea esista e sia disponibile per essere consultata, non solo, il costruttore e il progettista possono decidere di adottarla volontariamente e dare una classificazione acustica all’edificio, dando quindi un maggior pregio all’immobile.

In Acustica è molto importante una corretta e particolareggiata progettazione, in quanto progettando correttamente in fase di realizzazione dell’immobile si ottiene risultati maggiori con minor costi, al contrario se ci troviamo a dover operare in fase di restauro non si è in grado di ottenere gli stessi risultati a parità di spesa. Ciò non toglie che in acustica sia fondamentale la corretta posa del prodotto, in quanto anche il miglior prodotto posato erroneamente non garantirà le caratteristiche dichiarate.

Perché è importante il comfort acustico? Semplice! Pensiamo ad un’attività commerciale, ad esempio un ristorante, se non si considera un corretto fono-assorbimento della sala avremo un riverbero che non permette di interloquire con le altre persone e un rumore di sottofondo molto fastidioso. Il che porta ad un disturbo per il cliente e ad successivo danno per il titolare dell’esercizio. Al contrario se viene considerato il problema in fase di progettazione avremo una soluzione tecnica e architettonica sicuramente piacevole.

È importante sapere che gli edifici non sono esenti da norme acustiche e che a tutt’oggi è in vigore la Normativa sull’isolamento acustico ovvero il DPCM 5-12-1997 il quale stabilisce i requisiti acustici passivi degli edifici

 

Il D.P.C.M. 5-12-1997 è il documento di riferimento nella normativa italiana per l’acustica in edilizia e definisce le prestazioni che devono possedere gli edifici in merito a:

  • Isolamento dai rumori tra differenti unità immobiliari
  • Isolamento dai rumori esterni
  • Isolamento dai rumori di calpestio
  • Isolamento dai rumori di impianti a funzionamento continuo e discontinuo.

 

Le prestazioni devono essere verificate in opera, ad edificio ultimato.

Il D.P.C.M. 5/12/1997 (tabella A, allegato A) classifica gli ambienti abitativi secondo quanto riportato nel seguente prospetto :

  1. Categoria A :       edifici adibiti a residenza o assimilabili;
  2. Categoria B :       edifici adibiti ad uffici e assimilabili;
  3. Categoria C :       edifici adibiti ad alberghi, pensioni ed attività assimilabili;
  4. Categoria D :       edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili;
  5. Categoria E :        edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili;
  6. Categoria F :        edifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili;
  7. Categoria G :       edifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili;

 

Inoltre, il D.P.C.M. 5/12/1997 (tabella B, allegato A) definisce i limiti dei requisiti acustici passivi degli edifici in opera

Il 22 luglio 2010 è stata pubblicata la norma europea UNI 11367 “Acustica in edilizia – Classificazione acustica delle unità immobiliari – Procedura di valutazione e verifica in opera”. La norma definisce i criteri per la valutazione e la misurazione dei requisiti acustici passivi stabilendo una classificazione acustica per ognuno di essi e per l’intera unità immobiliare. I criteri di tale classificazione sono applicabili a tutte le unità immobiliari con destinazione d’uso diversa da quella agricola, artigianale ed industriale. La Norma è in applicazione volontaria e quindi applicabile a propria discrezione. Di seguito riportiamo le caratteristiche prestazionali degli elementi edilizi da utilizzare ai fini della classificazione acustica di unità immobiliari.

La Norma risulta ovviamente più articolata del semplice schema sopra riportato che introduce solo i valori inerenti le unità abitative.

Facendo riferimento a quanto sopra è importante e necessario distinguere due rami “fondamentali” in materia di acustica, quello appunto dell’isolamento e quello dell’assorbimento. Ognuno di questi casi va affrontato caso per caso con diverse tipologie di materiale.

Vi invitiamo quindi a contattarci per un consiglio, avvalendosi eventualmente degli uffici tecnici delle aziende con cui collaboriamo per un parere specifico, al fine di operare al meglio nella scelta delle possibili soluzioni e quindi dei materiali idonei. Quello che possiamo offrire è:

  • Una consulenza tecnica dedicata, avvalendosi degli uffici tecnici delle aziende con cui collaboriamo.
  • Continuo aggiornamento sui nuovi prodotti delle aziende rappresentate.
  • Consulenze telefoniche o mail per una rapida consultazione e risoluzione delle problematiche.
  • Voci di capitolato dei prodotti da utilizzare in funzione della soluzione scelta.
  • L’indicazione delle migliori modalità di posa sulla base delle indicazioni dei produttori.


Nel dettaglio i materiali da noi trattati per la risoluzione delle varie casistiche sono:

Lana di Roccia o Fibra di Roccia, Tappetini/Materassini in Gomma Riciclata, Pannelli in Gomma Riciclata nudi o Pannelli in Gomma Riciclata accoppiati con lastre di Cartongesso, Pannelli in Fibra di poliestere nudi o accoppiati con il solo pannello in gomma o con gomma + cartongesso, Pannelli in Gomma per l’assorbimento delle Vibrazioni (Civili ed Industriali), Pannelli per Controsoffitti di varie tipologie, dal civile all’industriale e dal commerciale all’ospedaliero. Ovviamente a tutti questi prodotti è corredata una gamma di accessori quali strisce Sottoparete, bandelle per la posa dritte o angolari e tanto altro…

I nostri Partners

Contattaci

Hai bisogno del nostro supporto? Saremo felici di poterti aiutare.

© 2024 made by Stilnostro